+39 0776 831554

Scanno


Descrizione

Scanno è un comune italiano di 1883 abitanti situato in provincia dell'Aquila, in Abruzzo. Il territorio comunale, circondato dai Monti Marsicani, è in parte compreso entro i confini del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e fa parte a sua volta della Comunità montana Peligna.
È un'importante stazione di soggiorno invernale ed estivo e nei dintorni vi sono il lago omonimo, appartenente però per tre quarti al comune di Villalago, gli impianti sciistici di Passo Godi e del Monte Rotondo, gli altopiani del Monte Greco e il Lago Pantaniello, nonché la riserva naturale delle Gole del Sagittario.
Scanno è inoltre nota come la Città dei fotografi; un luogo molto apprezzato da tanti autori italiani e stranieri. I suoi inconfondibili scorci e la sua gente sono stati lungo tutto il Novecento i soggetti di tanti famosi scatti realizzati da Hilde Lotz-Bauer, Henri Cartier-Bresson, Mario Giacomelli, Renzo Tortelli, Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, Mario Cresci e molti altri.

Scanno è posto a circa 1000 m di quota sul livello del mare nella bassa provincia dell'Aquila, tra i Monti Marsicani, poco fuori i confini del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise su un pendio della Montagna Grande che sovrasta l'omonimo lago.

Come risulta da una lapide romana conservata nel Museo della lana, Scanno risulta già abitata in epoca romana, all'estremità nord del territorio dei Sanniti.
Durante le invasioni barbariche Scanno rimase illesa per la struttura difensiva dei monti intorno al paese, ma durante le invasioni saracene prima ed ottomana poi invece non subì le stesse sorti. In questo periodo Scanno ebbe delle influenze orientali per il vestito femminile del paese. Infatti il copricapo femminile sembra un turbante, mentre i drappeggi del vestito sono colorati alla maniera orientale.
Durante il Medioevo segue le vicende feudali del contado peligno.

Tra gli edifici religiosi da visitare ricordiamo la Chiesa di Santa Maria della Valle, la Chiesa di San Rocco, la Chiesa di San Giovanni Battista, la Chiesa di San Michele Arcangelo, la Chiesa della Madonna di Costantinopoli, la Chiesa dell’Annunziata, l’Eremo di Sant’Egidio, la Chiesa di Sant’Eustachio, la Chiesa di Sant’Antonio da Padova, la Chiesa di Sant’Antonio Abate e la Chiesa della Madonna delle Grazie.

Importanti sono anche i Palazzi nobiliari come ad esempio Palazzo Di Rienzo, Palazzo Mosca, Palazzo Serafini-Ciancarelli e Palazzo De Angelis.

Da visitare lungo tutto il perimetro del borgo anche la cinta muraria, i portali e gli archi caratteristici del paese.

Tipiche di Scanno anche le due fontane monumentali: la Fontana Sarracco e la Fontana del Pisciarello.

L'isolamento del paese, nel corso dei secoli, fece in modo che il vestito delle donne di Scanno si sviluppasse in modo autonomo e privo di modelli a cui ispirarsi, a ciò si aggiunse la voglia delle giovani scannesi di arricchirsi di ornamenti muliebri per quanto possibile preziosi, sebbene autoctoni, atti ad impreziosire il proprio abbigliamento e primeggiare in bellezza e fascino, talvolta ingelosendo amiche e rivali; in tal modo una gonna, per la ricchezza di ornamenti, giungeva fino al tallone. Nonostante l'unicità del vestito, esso per tipologia e caratteristiche afferisce al tradizionale abbigliamento femminile della Conca Peligna e dell'Alto Sangro.

Tours

Percorso borghi nella valle Peligna

Indirizzo

67038, Scanno (AQ)

Tags

    Galleria foto


    Galleria video


    Il borgo dei borghi - Rai Kilimangiaro

    13/06/2018